ULTIME NOTIZIE
logo-youtubelogo-facebooklogo-twitterlogo-emaillogo-telefono


Crese Cup 2015 - Resoconto

E' stata un'esperienza intensa, una grande avventura. Senza alcun dubbio la più grande, da quando il nome Crese Cup ha iniziato a farsi conoscere in giro per Trieste e regione. Dall'antipasto dello scorso 6 giugno, con una partita in calendario ed il pienone per la finale Champions, fino alla serata conclusiva di domenica con la cerimonia delle premiazioni; la quattordicesima edizione del Crese Cup ha animato ed accompagnato una folta schiera di atleti ed appassionati lungo un mese ricco di sport e 'prime assolute'. La sede di San Luigi, nuova casa del Crese da quest'estate, ha ospitato qualcosa come quasi 500 partite valide per 17 diversi tornei (18 includendo Crese Cup Pordenone), nonché 7 diverse discipline sportive. Dal calcio al basket, dal volley alla pallamano, dal bubble-football al calcio-tennis oltre al football americano, tutto questo per quanto concerne le competizioni a squadre. Tante le novità tenute a battesimo nell'edizione appena conclusa, grazie alla dedizione dello staff oltre alla passione ed esperienza di persone che da quest'anno sono entrate in simbiosi con il mondo Crese. Il calcio a sette ha consolidato i numeri nei tornei più conosciuti, incrementandone livello e risultati in termini di partecipazioni. Piacevolissima novità è stata rappresentata dal primo torneo Crese Cup Junior in collaborazione con l’Asd San Luigi Calci, competizione riservata alle annate 2005/2006 che ha visto la presenza di squadre cittadine e prestigiose avversarie 'esterne' (su tutte Pordenone ed Fc Koper, giunte rispettivamente prima e seconda). L'esperienza di Valter Gridel e la disponibilità dell'Asd San Luigi calcio in tal senso, sono state fondamenta di impareggiabile sostanza su cui poggiarsi, mentre già si pensa all'edizione che verrà. I titoli più ambiti e conosciuti hanno visto lo straordinario exploit di un Costalunga capace di vincere due volte di seguito il Crese Cup Trieste. Risultato meritato per un'impresa autentica, che non viene scalfita dall'epilogo meno felice della finale regionale, conquistata in modo netto da Decathlon grazie ad una prestazione impeccabile. Il Crese League ha incoronato il Pub Ambasciata, formazione rivelatasi completa in ogni reparto, solida e temibile, superiore a tutte le altre pretendenti. Soltanto I Dolci di Fulvio sono riusciti a rendere davvero difficile il compito alla squadra campione, cedendo in finale dopo la lotteria dei calci di rigore. Il 'torneo-salvagente' Crese Replay ha visto il trionfo del White Cafè a spese di In The City, entrambe compagini dotate di ottimi valori ma sfortunatamente capitate in gironi così detti 'di ferro'.
Negli Over 35 è stato il Borussia Trieste ad alzare la coppa, costringendo la Trieste Costruzioni ad accontentarsi della piazza d'onore, nel duello che già ai nastri di partenza vedeva come favorite queste due squadre sul resto della concorrenza. Discorso simile anche nel Crese Veterani, con l'Oreficeria Stigliani diversi passi avanti e gli Joga Bonito/Ri.Co.Car unico team capace di rimanere un minimo in scia. Partecipazione e competitività sempre maggiori nel Crese Girl, calcio femminile che ha eletto regine le ragazze di Ankaran, riuscite ad imporsi ai rigori contro Pane Vino e San Daniele al termine di un'autentica battaglia sportiva. Tutto questo per quanto riguarda il calcio a sette.

Anche nel basket la famiglia Crese ha trovato un prezioso alleato, l'Asd Star Energy ha infatti contribuito ad introdurre le novità del torneo maschile under-18 e del 3vs3 femminile, animando sin dal pomeriggio la parte alta degli impianti sanluigini. Quanto agli atleti adulti, grazie al fondamentale apporto organizzativo di Roberto Kidzik ed Alessandro Asta, il Crese Basket ha proposto individualità di spicco, 'underdogs' che hanno recitato la parte del leone, scarti importanti ben bilanciati da incontri tiratissimi. I Tormentos hanno alzato il trofeo principale, mettendo in fila rispettivamente Idrotermozeta, Barcollanti e Centro Revisioni Baskettari Brutti.

Discorso molto simile per il volley, protagonista con due tornei dal livello progressivamente sempre più alto avvicinandosi alle battute conclusive. Grazie all'importante contributo di Serena Burato, Crese Volley Pro e Free hanno dato colore e spettacolo a questo mese di fitti appuntamenti, con numeri e giocate importanti. Il Volley Pro ha visto il trionfo degli Hakunamatata nela finale contro i Ruggine, con gli Evolution sul gradino più basso del podio. Il Volley Free ha eletto regina Generation Volley, lasciando seconda e terza piazza rispettivamente a Keep Calm & Stay Drunk e Tutti Cisti.

Partecipazione e grande simpatia hanno riscosso le assolute novità rappresentate da Pallamano, Bubble-Football e Calcio-Tennis. Grazie al prezioso apporto di Michele Malusà e Jessica Granzotto, l'area accanto al campo a undici ha potuto proporre tre differenti tornei che hanno dato spazio a competizioni mai proposte prima in una manifestazione come questa. Resistendo a una terza settimana caratterizzata da momenti di forte maltempo, questi tre titoli in palio hanno dimostrato di avere le carte in regole per puntare ad un incremento nelle edizioni a venire.

Le esibizioni e i corsi, le serate o le intere giornate ad animare Via Felluga e tutto il Crese Village, sono state altre novità molto apprezzate da atleti e pubblico. La serata con la gara di Pole Dance, organizzata grazie alla dedizione e disponibilità di Valentina Limpido della Pole Dancing School Trieste, ha catturato l'attenzione di tutti i presenti. Oltre due ore di esibizioni, spettacolo, presentando una disciplina capace di catalizzare l'attenzione dei presenti, resa oltretutto ancor più accattivante data la formula competitiva della proposta. La lunga, frizzante, massiccia, spettacolare giornata di Crossfit sul Campo 1, grazie al fondamentale contribuito di Audace Crossfit Trieste e Udine. Giulio Borgino, Giandomenico Filippelli, Costanza Pacher, Emil Vianello, hanno portato al Crese un esercito di appassionati di questa disciplina in costante espansione, una full-immersion di 12 ore che si è rivelata un grandissimo successo, trascinando tutti con entusiasmo ed intensità. E ancora la boxe Under-14 con l'apporto di Audace Boxe Trieste, esibizione con il patrocinio del C.O.N.I. riservata ai pugili del futuro, basata più sull'approccio motorio, tecnico e mentale più che sul combattimento puro.

Numeri straordinari anche per il Crese Camp Decathlon, tre settimane di intrattenimento diurno riservato ai bimbi, grazie alla disponibilità dell'Asd San Luigi ed alla fondamentale collaborazione di Veronica Manosperti. Calcio, basket, volley, piscina, ping-pong, Playstation; personaggi dello sport giunti a sorpresa generando il genuino entusiasmo dei piccoli ospiti. Dal portiere della Nazionale di Beach Soccer ed ex-Triestina Simone Del Mestre, ai giovani campioncini del nostro territorio come Axel Gulin e Giacomo Calò, questi venti giorni sono stati un vero successo ed un susseguirsi di sorrisi ed emozioni.

Volendo abbozzare un bilancio tra atleti giovani e meno giovani, considerando tutte le discipline sportive del Crese Village, più di duemila sportivi sono transitati in questo villaggio dello sport, un luogo che per un intero mese ha regalato partite ed emozioni tra nuove e vecchie proposte. Mattinate, pomeriggi e soprattutto serate accompagnate da un denso calendario di appuntamenti, con la costante presenza dei chioschi e dell'area gastronomica garantita e gestita dal Ristorante Argentino Pasiòn.

L'intero Crese Staff desidera ringraziare tutte le persone che a vario titolo hanno contribuito, collaborato all'organizzazione, allestimento, sviluppo e gestione di tutto quello che ruota dentro e attorno al mondo Crese. Rimane lo spazio per il ringraziamento più importante: rivolto a tutti gli sportivi e gli spettatori accorsi, per aver animato così numerosi gli impianti di San Luigi lungo tutto il mese di appuntamenti in calendario. Da parte nostra c'è la soddisfazione e perché no pure un pizzico di orgoglio, nel nutrire la consapevolezza di essere riusciti a mettere in piedi una 'macchina' che, da ormai quattordici anni, è sempre più protagonista delle estati sportive triestine. Ancor più importante, c'è la viva speranza di essere riusciti a rendere questa edizione un po' più speciale della precedente, auspicio da rinnovare per rendere ancor più indimenticabile quella che verrà. Vivendo il Crese Village con tale e tanta partecipazione ci avete dimostrato che tutto questo è possibile, automatico sprone per nuove idee progetti per il futuro. Anche quest'anno, abbiamo dimostrato e ci avete dimostrato che al Crese Cup il calcio è solo l'inizio.

Mattia Milazzi (Organizzatore) si sente super soddisfatto e contento, ed è già pronto con mille novità per l’edizione 2016. Ringrazia tutto lo staff, i sponsor, il San Luigi per la disponibilità e soprattutto tutti i partecipanti che di anno in anno aumentano! Ci vediamo alla XV EDIZIONE!

Grazie a tutti!

Vota questo articolo
(5 Voti)
Torna in alto

hit counter joomla